AFFASCINANTE E SUGGESTIVA –  FASCINATING AND SUGGESTIVE

Polignano a Mare

Una città a strapiombo sul mare

A town overhanging the sea

**************************************************************************************************************************************************

bollino tondo polignano chiaro

Un mare cristallino e la roccia ricamata da cavità impressionanti sono i segni distintivi di Polignano a Mare, conosciuta come la “Perla dell’Adriatico”, a poco più di 30 km da Bari. È la città natale del cantante Domenico Modugno, divenuto celebre per “Nel blu dipinto di blu”, cui è dedicato un tratto del lungomare dominato da una statua dell’artista. Polignano a Mare affascina con il centro storico ricco di tracce arabe, bizantine, spagnole e normanne, come i resti dei quattro torrioni di difesa che cingevano la parte antica dell’abitato. Dall’Arco della Porta, un tempo unica via d’accesso al paese, ci si inoltra nel borgo antico dove si può ammi- rare la duecentesca Chiesa Matrice con il presepe di Stefano da Putignano. Dalla “Piazza dell’Orologio” numerose viuzze condu- cono alle famose “logge” a strapiombo sul mare, qui lo sguardo si perde e si gode la bellezza della natura. Chi visita Polignano a Mare non può perdersi il villaggio di San Vito con l’omonima Abbazia e il Museo comu- nale d’arte contemporanea, sede della Fondazione Pino Pascali, dedicata all’opera del grande scultore e artista pugliese. Il profilo del litorale, le alte falesie e la costa frastaglia- ta, da Grotta Palazzese a Lama Monachile, rendono Polignano uno dei luoghi più belli di Puglia, tra calette nascoste e deliziose insenature sabbiose.

A crystal-clear sea and rocks honeycombed with magnificent caves – these are the hallmarks of Polignano a Mare, often called the “Pearl of the Adriatic”, which lies just over 30 km from Bari. This is the birthplace of singer Domenico Modugno, celebrated for writing and recording “Volare”, and a statue of the artist dominates a stretch of waterfront named after him.

Polignano a Mare is nothing less than captivating, with its historic old town centre rich in the surviving traces of Arab, Byzantine, Spanish and Norman architecture such as the remains of the four defensive fortified towers that once encircled the oldest inhabited area. From Arco della Porta, once the only way in to Polignano, you enter the old town where you can admire the thirteenthcentury Chiesa Matrice or main church, home to a Nativity by Stefano da Putignano.

Numerous narrow alleyways lead from the Clock Square to the town’s famous “log- gias”, open stone balconies offering views that overlook a sheer drop into the sea – lookout points where you can stand and let your gaze lose itself in the distance as you enjoy nature in all its beauty. No visit to Polignano a Mare is complete without a trip to the village of San Vito, with its Abbey of the same name and the town’s Museum of Modern Art which houses the Pino Pascali Foundation, devoted to the work of Apulia’s great sculptor and artist.

The high cliffs and rugged features of the coastline from Grotta Palazzese to Lama Monachile, rich in hidden coves and charming sandy bays, make Polignano one of the most beautiful places in Apulia.

 

 

IAT : Ufficio di informazione

e accoglienza turistica

Via Martiri di Dogali, 2 T. +39 080 4252336

settore.turismo@comune.polignanoamare.ba.it

Settore Servizi alla Persona

Viale delle Rimembranze, 21.

T. +39 080 4252323-22-21-19.

settore.cultura@comune.polignanoamare.ba.it

WWW.comune.polignanoamare.ba.it

Polignano
polignano2

} I LUOGHI DA VISITARE

/ PLACES TO VISIT

• SAN VITO

Sede di un porto naturale a un paio di chilometri dal centro, San Vito è dominata dall’Abbazia benedettina edificata nel X secolo e arricchita da contaminazioni barocche. La spiaggetta libera è a tratti sabbiosa, a tratti ciottolosa, mentre tutto intorno si dispiegano gli scogli. Nella baia sono ormeggiate le barche dei pescatori. A pochi metri dalla peschiera e dalla torre saracena, vi è una passerella per i diversamente abili che consente a tutti di accedere al mare. 

A natural port a couple of kilometres from the centre, San Vito is dominated by the Benedictine Abbey built in the 10th century and enriched by baroque influences. The small beach, accessible to the public, has a rocky setting with stretches of sand and pebbles. Fishermen’s boats are moored in the bay. A few metres from the fishmongers and from the Saracena Tower there is a pathway for the otherwise abled, which provides everyone with access to the sea.

polignano2

• LUNGOMARE
DOMENICO MODUGNO
L’ampio tratto di lungomare dedicato a Domenico Modugno, offre un ampio panorama “nel blu dipinto di blu” e ospita la statua del cantante. Alle sue spalle, una lunga scalinata porta a un’immensa superficie piatta di roccia che, sporgendosi maggiormente rispetto al resto della costa, permette di ammirare la meravigliosa scogliera di Polignano e le sue grotte fino allo Scoglio dell’Eremita

The wide promenade dedi- cated to Domenico Modugno, offers an open panorama of “blu dipinto di blu” and has a statue of the singer behind it, a long flight of steps goes up to an immense flat surface of rock that juts out further than the rest of the coastline and provides a panoramic view from the wonderful cliff of Polignano and the caves until the Scoglio dell’Ere- mita.

Polignano

• BORGO ANTICO
Il borgo antico è di impianto medievale. Varcato l’Arco marchesale vi è la Chiesa
 del Purgatorio, sorta su un cimitero. Sulla piazzetta dedicata a Fulvia Miani Perotti si affacciano il Palaz- zo del governatore, il Palazzo Miani e il Palazzo San Giuseppe con la Biblioteca comunale e l’Art open space del SAC.

Il cuore del centro storico è Piazza Vittorio Emanuele II, dalla quale si diramano le viuzze che giungono alle logge sul mare.

The historic centre of the town is medieval. Once through the Marquess’s Arch, there is the Church of Purgatory, built on a cemetery. The Palace of the Governor, Miani Palace, Saint Joseph’s Palace and the Library and the SAC Open Space Art all face onto the small square dedicated to Fulvia Miani Perotti.

The heart of the historic centre is Piazza Vittorio Emanuele II, from which the alleys lead out toward the sea.

• CHIESA DI SANTA MARIA ASSUNTA
Sita nel cuore della città vecchia, è costruita sui resti di un tempio pagano. Sormontata da un campanile, ha la facciata principale che mescola elementi gotici a motivi romanici e barocchi, accogliendo il bel portale tardorinascimentale. All’interno il Cappellone di San Vito, dedicato al patrono della città, ne custodisce le reliquie. Lungo le navate sono conservate opere d’arte come le statue in pietra calcarea di Stefano da Putignano e il suo famoso presepe, monumento nazionale.

Located in the heart of the old town, it was built on the remains of a pagan temple. Surmounted by a bell tower, the main façade blends Gothic elements with Romanesque and Baroque motives, framing the fine late renaissance portal. Inside the Cappellone of Saint Vitus, the remains of the town’s patron saint, to whom the large chapel is dedicated, are kept. Along the naves works of art such as the statues in limestone of Stephen of Putignano and his wellknown criba national monument – are preserved.

• GROTTA PALAZZESE
Uno squarcio di roccia sul mare, un soffitto di pietra che incornicia uno degli angoli più suggestivi di Polignano: la Grotta Palazzese, scavata nella roccia dall’erosione marina, è un vero e proprio spettacolo naturale. Al suo interno, si ritrova una vasta sala semicircolare e un vano di dimensioni inferiori, caratterizzato da una spiag- getta ciottolosa. La grotta è accessibile dal mare in barca e anche via terra, attraverso una stretta scalinata che oggi conduce a un ristorante, unico al mondo.

A view of rock formations by the sea, a ceiling of stone that frames one of the most suggestive corners of Polignano: the Palazzese Cave, eroded by the sea, is a natural spectacle. Inside, there is an immense semicircular room and another smaller room, characterized by a small pebbly beach. The cave is accessible from the sea by boat and also from the land, up a narrow flight of steps that now lead to a restaurant, the only one in the world.

polignano3

• INSEDIAMENTO ARCHEOLOGICO DI SANTA BARBARA
L’area archeologica, estesa 250 mila metri quadri e caratterizzata dalla presenza di grotte artificiali, è indagata sistematicamente ancora oggi. Eccezionali sono la presenza di un antico fossato di perimetrazione dell’abitato e importanti complessi culturali neolitici scavati nella roccia nei quali si possono riconoscere riti propiziatori legati alla fertilità. L’Ipogeo Manfredi, oggetto delle ricerche più approfondite condotte dall’Università di Bari, ne costituisce l’esempio più evidente.

The archaeological site, which covers an area of 250 thousand square metres, features artificial caves and is still systematically investi- gated today. The exceptional presence of an ancient ditch delimiting an area that was inhabited and important neolithic cultural complexes excavated from the rock, evi- dence of propitiatory rites to ensure fertility. The Manfre- di hypogeum, the subject of in depth research conducted by the University of Bari, is the most obvious example.