AUTENTICA E DINAMICA – AUTHENTIC AND DYNAMIC

Rutigliano

L’operosità tra uva e ceramica

efficiency between grapes and ceramics

**************************************************************************************************************************************************

bollino tondo rutigliano chiaro

Situata a 20 km da Bari e posta sui primi rialzi del- le Murge, Rutigliano è una «Città d’Arte» di origini antiche. È nota in Italia e nel mondo per la produzione di pregiati grappoli di uva da tavola, ma anche per i suoi straordinari tesori ar- cheologici rinvenuti nelle campagne circostanti. Il suo caratteristico borgo antico è dominato dalla Torre nor- manna e dalla Collegiata di Santa Maria della Colon- na e San Nicola, scrigno di preziose opere d’arte. La sua rinomata banda musicale si esibisce dal 1877 nei teatri e nelle piazze di tutta Italia. Rutigliano è anche la “capi- tale” dei Fischietti di terra- cotta: variopinti manufatti realizzati dagli artigiani lo- cali che riproducono in sva- riate forme il “Gallo” (dono dell’innamorato alla propria donna) o personaggi locali, della politica nazionale, del- lo spettacolo, dello sport, raf- figurati in pose caricaturali.
Ai fischietti di terracotta sono dedicati una singolare Fiera e un Concorso Nazio- nale che ogni anno, in genna- io, attirano a Rutigliano mi- gliaia di turisti provenienti da tutta Italia e dall’estero. Inoltre di grande rilevanza è il Museo del Fischietto in Terracotta «Domenico Di- vella», unico in Italia, che raccoglie diverse centinaia di manufatti sibilanti rea- lizzati dai migliori artisti italiani della terracotta.

Situated 20 km from Bari and 200 meters above sea-le- vel, Rutigliano is a city of art whose origins date from Italy’s ancient historic and pre-historic past. Nestling in the countryside of Murgia, rich in fossils and in farms, it is known throughout Italy and the world for its fine de- sert grapes and also for its extraordinary archaeologi- cal treasures, safeguarded in the municipal Museum which exhibits invaluable fossil discoveries found in the surrounding countryside with its dolmen tombs and grave goods.
The quaint old town is domi- nated by the Norman Tower and by the Collegiate Chur- ch of Santa Maria della Colonna and San Nicola, a veritable treasure-chest of priceless works of art. The town has a very well-known musical ensemble that has performed since 1877 in the- atres and open-air spaces throughout Italy.
Rutigliano is also the “capi- tal city” of terracotta whist- les: colourful creations made by local craftsmen in an infi- nite variety of shapes and si- zes. These will either depict the traditional rooster (Gal- lo) that a man would give to a woman he was courting, or they will portray caricatures of local notables, national politicians or famous figures from the worlds of enter- tainment or sport. Examples of such terracotta clay whi- stles are preserved in the National Museum, and they are the subject of a unique annual Fair and National Competition, held each year in January, which draws thousands of tourists to Ruti- gliano from all over Italy and abroad.

COMUNE DI RUTIGLIANO

Piazza Kennedy – 70018

Area Cultura e Turismo

t. +39 .080 0804767306

cultura@comune.rutigliano.ba.it

www.comune.rutigliano.ba.it

IAT : Ufficio di informazione

e accoglienza turistica

/ Area Cultura e Turismo

via Leopoldo Tarantini, 48 T. +39 0804763706

Rutigliano

} I LUOGHI DA VISITARE

/ PLACES TO VISIT

• MUSEO CIVICO DEL FISCHIETTO IN TERRACOTTA “DOMENICO DIVELLA”

È ospitato al primo piano di Palazzo San Domenico (ex convento domenicano del ‘600) sede anche della Biblioteca Comunale che conserva 15 mila volumi
ed è dotata di attrezzature informatiche con postazioni web point gratuite. Sono esposti centinaia di fischietti in terracotta realizzati dai migliori artisti italiani che ogni anno concorrono al celebre Concorso Nazionale del Fischietto in Terracotta “Città di Rutigliano”.
The Museum is on the first floor of the San Domenico Palace (former 17th century Dominican monastery), together with the Munici- pal Library, which has 15 thousand books and is also equipped with computers and free access to the inter- net. Hundreds of terracotta whistles are on display, re- alized by Italy’s best artists who every year take part in the well-know Rutigliano National Terracotta Whistle Contest.

• BORGO ANTICO

È il primo nucleo della città sorto in epoca altomedievale attorno al castello edificato dai Normanni e alla Collegiata, raccogliendo la popolazione dispersa nelle campagne e nei villaggi circostanti insediatisi principalmente lungo le lame (Bigetti, Azetium, Timine, Casilia). Tra gli elementi di rilievo: Porta di Bari (XIII sec.), Porta Nuova (XVII sec.), Palazzo De France- schis (XVI sec.), Palazzo Antonelli (XVII sec.).

The first centre of the town, built in the late middle ages around the castle, which was constructeby the the Normans, and the collegiate church, gathering the people from countryside and the surrounding villages established mainly along the ravines (Bigetti, Azetium, Thyme, Casilia). Some points of interest: Porta di Bari (13th century), Porta Nuova (17th century), De Franceschis Palace (16th century), Antonelli Palace (17th century).

• COLLEGIATA DI SANTA MARIA DELLA COLONNA E SAN NICOLA

Tipico esempio del Romanico pugliese, la maestosa millenaria collegiata di Rutigliano è un autentico scrigno di preziose opere d’arte, tra cui: il celebre Polittico di Antonio Vivarini (1470 circa), l’icona della Madonna dell’Odegitria (XIV sec.), il leggio marmoreo (XIII sec.), arredi lignei e il grandioso organo a canne (XVIII sec.), le pregevoli tele di Domenico Carella (‘700).
A typical example of Apulian Romanesque style, the majestic millennial Collegiate Church of Rutigliano is an authentic treasure trove of a works of art, for example, the famous Polittico by Antonio Vivarini (about 1470), the icon of the Madonna of Odegitria (14th century), the marble lectern (13th century), wooden furnishings and the magnificent pipe organ (18th century), the valuable canvases of
Domenico Carella (18th century).

• TORRE NORMANNA

Il monumento simbolo della città, elemento di notevole pregio architettonico, è tra le più esemplari torri di guardia edificate dai Normanni nell’XI sec., ancora oggi esistenti in Puglia. Alta più di 30 metri, è munita di feritoie e caditoia a sua protezione. All’interno si conservano affreschi del ‘400.
The monument is the symbol of the town; of considerable architectural quality, it is one of the most exemplary towers built by the Nor- mans in the 11th century still standing in Apulia. Higher than 30 metres, it is equipped with loopholes and trap doors for protection. In- side there are 15th century frescoes.

Rutigliano

• SANTUARIO DEL SS.CROCIFISSO

Da una altura che domina la città, il luogo di culto più caro ai Rutiglianesi custodisce dal 1630 circa una splendida opera lignea raffigurante il Cristo agonizzante sulla croce. L’immagine, attribuita allo scultore gallipolino Vespa- siano Genuino, è particolarmente venerata perché avrebbe più volte salvato Rutigliano dalla siccità.

From a hill that dominates the town, the place of worship dearest to the people Rutigliano has housed, since about 1630, a splendid wooden sculpture of Christ dying on the cross. The work, attributed to the sculptor Vespasiano Genuino of Gallipoli, is particularly venerated because it has been attributed with saving Rutigliano, on more than one occasion, from drought.

• MONUMENTO AI CADUTI

Dedicato ai Caduti Rutiglianesi della “Grande Guerra”, domina il “salotto” della città, Piazza XX Settembre. Inaugurato nel 1929, è opera dello scultore rutiglianese Vitantonio Debellis che in quel periodo eseguì simili monumenti in diverse città della Puglia. Il massiccio basamento lapideo, che elevandosi riproduce la Torre Normanna, è sovrastato dall’imponente gruppo scultoreo in bronzo raffigurante soldati in azione bellica guidati dalla “Vittoria” alata.

Dedicated to the Rutigliano soldiers killed in the First World War, it dominates the main square of the town, Piazza XX Settembre. Inaugurated in 1929, it is the work of the Rutigliano sculptor Vitantonio Debellis who, at the time, constructed similar memorials in a num- ber of towns in Apulia. The solid stone base, which is as high as the Norman Tower, has an imposing sculpted bronze group of soldiers
in action led by a Winged Victory.